📁
Russia Portale sulla Russia, con informazioni sul consolato italiano a San Pietroburgo e ambasciata italiana a MoscaRussia
Le società di capitali > Contratti d'impresa

Contratto di compravendita

Il Codice Civile disciplina il contratto di compravendita agli articoli 454 e seguenti.

Diversamente dal diritto italiano, la prestazione del consenso non determina di per sé il trasferimento della proprietà del bene compravenduto, per il quale rileva il momento di consegna.

Il contratto di compravendita è infatti quel contratto mediante il quale una parte, denominata venditore, si impegna a trasferire (e non trasferisce automaticamente con il consenso) all’altra parte, denominata acquirente, la proprietà di un bene determinato, contro pagamento del prezzo.

Il rischio della perdita o danno è trasferito all’acquirente con la consegna del bene.

Nel caso in cui i beni siano acquistati mentre sono in transito dal venditore all’acquirente, il rischio si trasmette nel momento della conclusione del contratto di compravendita.

La clausola contrattuale, che prevede il passaggio del rischio all’acquirente con la consegna al trasportatore, può essere annullata su richiesta dell’acquirente, nel caso in cui il venditore, al momento della conclusione del contratto di compravendita, fosse a conoscenza della perdita o del danno e non ne abbia informato la controparte.

Anche il diritto russo conosce l’istituto della riserva di proprietà, disciplinato dall’art. 491 c.c.. Inoltre, il codice russo prevede una disciplina specifica per la vendita al dettaglio effettuata ai consumatori, la somministrazione periodica o continuativa di prodotti, la vendita di prodotti agricoli, la fornitura di energia.

Argomenti nella stessa categoria