📁
Russia Portale sulla Russia, con informazioni sul consolato italiano a San Pietroburgo e ambasciata italiana a MoscaRussia
Trasporti su gomma

Trasporto merci e persone

Normativa bilaterale Italia - Russia sui trasporti internazionali di viaggiatori e merci su strada

LEGGE 16 marzo 2001n. 111 (GU n. 086 Suppl.Ord. del 12/04/2001)

Ratifica ed esecuzione dell'Accordo tra il Governo della Repubblica italiana ed il Governo della Federazione russa sui trasporti internazionali di viaggiatori e merci su strada, con Protocollo, fatto a Mosca il 16 marzo 1999.
Materia: TRATTATI, CONVENZIONI, ATTI INTERNAZIONALI
URN: urn:nir:stato:legge:2001-03-16;111

Preambolo

La Camera dei deputati ed il Senato della Repubblica hanno approvato;
IL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA
PROMULGA
la seguente legge:

ART. 1.

1 .  Il Presidente della Repubblica è autorizzato a ratificare l'Accordo tra il Governo della Repubblica italiana ed il Governo della Federazione russa sui trasporti internazionali di viaggiatori e merci su strada, con Protocollo, fatto a Mosca il 16 marzo 1999.

ART. 2.

1 .  Piena ed intera esecuzione è data all'Accordo di cui all'articolo 1, a decorrere dalla data della sua entrata in vigore, in conformità a quanto disposto dall'articolo 24 dell'Accordo stesso.

ART. 3

1 .  All'onere derivante dall'attuazione della presente legge, valutato in lire 19 milioni per anni alterni a decorrere dal 2000, si provvede, per il triennio 2000-2002, mediante corrispondente riduzione dello stanziamento iscritto, ai fini del bilancio triennale 2000-2002, nell'ambito dell'unità previsionale di base di parte corrente " Fondo speciale " dello stato di previsione del Ministero del tesoro, del bilancio e della programmazione economica per l'anno finanziario 2000, allo scopo parzialmente utilizzando l'accantonamento relativo al Ministero degli affari esteri.

2 .  Il Ministro del tesoro, del bilancio e della programmazione economica è autorizzato ad apportare, con propri decreti, le occorrenti variazioni di bilancio.

ART. 4.

  l. La presente legge entra in vigore il giorno successivo a quello della sua pubblicazione nella Gazzetta Ufficiale.

  La presente legge, munita del sigillo dello Stato, sarà inserita nella Raccolta ufficiale degli atti normativi della Repubblica italiana. È fatto obbligo a chiunque spetti di osservarla e di farla osservare come legge dello Stato.

Lavori Preparatori

LAVORI PREPARATORI Senato della Repubblica (atto n. 4502): Presentato dal Ministro degli affari esteri (DINI) il 29 febbraio 2000. Assegnato alla 3 commissione (Affari esteri), in sede referente, il 23 marzo 2000, con pareri delle commissioni 1, 5, 6 e 10. Esaminato dalla 3 commissione il 24 maggio 2000. Relazione scritta presentata il 2 giugno 2000 (atto n. 4502/A - relatore sen. VERTONE GRIMALDI). Esaminato in aula ed approvato il 6 giugno 2000. Camera dei deputati (atto n. 7081): Assegnato alla III commissione (Affari esteri), in sede referente, il 19 giugno 2000 con pareri delle commissioni I, II, V, VI, IX e X. Esaminato dalla III commissione il 7 e 14 febbraio 2001. Relazione scritta presentata il 14 febbraio 2001 (atto n. 7081/A - relatore on. RIVOLTA). Esaminato in aula il 26 febbraio 2001 ed approvato il 1 marzo 2001.

Data a Roma, addì 16 marzo 2001
I1 Presidente del Senato della Repubblica
nell'esercizio delle funzioni del Presidente della Repubblica,
ai sensi dell'articolo 86 della Costituzione
MANCINO
AMATO, Presidente del Consiglio dei Ministri
DINI, Ministro degli affari esteri
Visto, il Guardasigilli: FASSINO

Annesso A

ACCORDO TRA IL GOVERNO DELLA REPUBBLICA ITALIANA E IL GOVERNO DELLA FEDERAZIONE RUSSA SUI TRASPORTI INTERNAZIONALI DI VIAGGIATORI E MERCI SU STRADA

Preambolo

Il Governo della Repubblica Italiana e il Governo della Federazione Russa successivamente denominate le "Parti Contraenti" attenendosi all'aspirazione di adempiere alle disposizioni dell'Atto finale della riunione sulla sicurezza e cooperazione in Europa firmato a Helsinki il 10 agosto 1975;
desiderando sviluppare su base di reciprocità il trasporto automobilistico di viaggiatori e merci tra entrambi i Paesi e in transito nei loro territori hanno concordato quanto segue:

Art. 1

  In conformità al presente Accordo vengono effettuati trasporti automobilistici di viaggiatori e merci tra i due Paesi e in transito nei loro territori con autoveicoli immatricolati nella Repubblica Italiana e nella Federazione Russa.

I - TRASPORTO VIAGGIATORI

Art. 2

1 .  I trasporti regolari di viaggiatori con autobus vengono effettuati previo accordo tra le autorità competenti delle Parti Contraenti.

2 .  Le proposte circa l'organizzazione di tali trasporti vengono trasmesse anticipatamente dalle autorità competenti delle Parti Contraenti. Tali proposte devono contenere le indicazioni riguardanti il nominativo del trasportatore (impresa), l'itinerario da seguire, l'orario, le tariffe, i luoghi delle fermate in cui il trasportatore depositerà e prenderà i viaggiatori nonché il periodo previsto e la frequenza di effettuazione dei trasporti.

3 .  Le autorità competenti delle Parti Contraenti rilasceranno le autorizzazioni (in scritto) per quel tratto di percorso che passa sui loro territori.

Art. 3

1 .  Per effettuare trasporti occasionali di viaggiatori con autobus tra entrambi i Paesi o in transito sui loro territori, salvo i trasporti previsti nell'art.4 del presente Accordo, si richiedono le autorizzazioni rilasciate dalle Autorità competenti delle Parti Contraenti.

2 .  Le Autorità competenti delle Parti Contraenti rilasceranno l'autorizzazione per quel tratto di percorso che passa sui loro territori.

3 .  Per ogni trasporto occasionale di viaggiatori con autobus deve essere rilasciata una singola autorizzazione che dà il diritto all'effettuazione di un servizio occasionale di andata e ritorno salvo quanto indicato nella stessa autorizzazione.

4 .  Le Autorità competenti delle Parti Contraenti si scambieranno un contingente annuale di moduli di autorizzazione, concordato in comune, per i trasporti occasionali di viaggiatori. Tali moduli devono essere timbrati e firmati da parte dell'Autorità competente che rilascia le autorizzazioni.

5 .  Le Autorità competenti delle Parti Contraenti concordano tra di loro la procedura per lo scambio dei moduli di autorizzazione.

Art. 4.

1 .  Le autorizzazioni non occorrono per effettuare i trasporti occasionali di viaggiatori con autobus nei casi in cui un gruppo di viaggiatori, nella stessa composzione, viene trasportato con lo stesso autobus durante tutto il viaggio:

a)  se tale viaggio inizia e termina nel territorio della Parte Contraente di immatricolazione dell'autobus;
b)  se il viaggio inizia nel territorio di una Parte Contraente di immatricolazione e termina nel territorio dell'altra Parte Contraente a condizione del ritorno a vuoto;

2 .  L'autorizzazione non è necessaria in caso di sostituzione di un autobus in avaria contro un altro autobus.

3 .  Il conducente dell'autobus deve avere a bordo l'elenco nominativo dei viaggiatori.

TRASPORTO DI MERCI

Art. 5

1 .  I trasporti di merci tra due paesi a destinazione o in transito, esclusi quelli previsti all'art.6 del presente Accordo, vengono effettuati con autocarri con o senza rimorchi o autotreni o autoarticolati sulla base delle autorizzazioni rilasciate dalle Autorità competenti delle Parti Contraenti.

2 .  Per ogni trasporto di merci deve essere rilasciata una singola autorizzazione che dà il diritto di effettuare un viaggio di andata e ritorno salvo diversa indicazione contenuta nell' autorizzazione medesima.

3 .  Le Autorità competenti, delle Parti Contraenti si scambieranno un contingente concordato annuale di moduli di autorizzazione per il trasporto delle merci. Tali moduli devono essere timbrati e firmati da parte dell'Autorità competente che rilascia le autorizzazioni.

4 .  Le Autorità competenti delle Parti Contraenti concordano tra di loro la procedura per lo scambio dei moduli di autorizzazione.

Art. 6

1 .  Le autorizzazioni di cui all'art. 5 del presente Accordo non vengono richieste per l'effettuazione dei trasporti di:

a)  campioni, attrezzature, materiali destinati alle fiere ed esposizioni;
b)  mezzi di trasporto, animali nonché diverse attrezzature ed articoli destinati alle iniziative sportive;
c)  materiale scenografico, oggetti e costumi teatrali, strumenti musicali, attrezzature e articoli per riprese cinematografiche, per radio e tele-trasmissioni;
d)  salme e ceneri dei defunti;
e)  posta;
f)  autoveicoli guasti;
g)  beni mobili per il trasloco;
Non occorre un'autorizzazione neanche per il passaggio dei carri attrezzi.

2 .  Le eccezioni previste dal punto 1. lettere a), b), e c) del presente articolo sono valide solo nel caso in cui le merci debbano ritornare nel paese di immatricolazione del veicolo oppure se le merci verranno trasportate in un Paese terzo.

Art. 7

1 .  Quando le dimensioni, o il peso dell'autoveicolo che viaggia con le merci o a vuoto, superano i limiti stabiliti dalla normativa vigente sul territorio dell'altra Parte Contraente, nonché in caso di trasporto di merci pericolose, il trasportatore deve avere ottenuto ed essere in possesso durante il trasporto di un'apposita autorizzazione rilasciata, dalle Autorità competenti dell'altra Parte Contraente.

2 .  Se l'autorizzazione indicata nel punto 1 del presente articolo prevede un itinerario per l'autoveicolo, il trasporto deve effettuarsi su tale itinerario.

DISPOSIZIONI DI CARATTERE GENERALE

Art. 8

1 .  I trasporti previsti dal presente Accordo possono essere effettuati solo dai trasportatori i quali, secondo la legislazione interna del proprio Paese, sono ammessi all'effettuazione dei trasporti internazionali.

2 .  Gli autoveicoli che effettuano i trasporti internazionali devono essere muniti della targa di immatricolazione e di un segno distintivo del proprio paese.

Art. 9

1 .  Al trasportatore non è consentito di effettuare i servizi di trasporto di viaggiatori e merci tra due località site nel territorio dell'altra Parte Contraente.

2 .  Il trasportatore può effettuare i trasporti dal territorio dell'altro Paese al territorio di un Paese terzo nonché dal territorio del Paese terzo al territorio dell'altro Paese, se ad esso è stata rilasciata, per questo, un'apposita autorizzazione dalle Autorità competenti dell'altra Parte Contraente.

Art. 10

  I trasporti di merci previsti dal presente Accordo devono essere effettuati secondo fatture conformi al modello internazionale comunemente riconosciuto.

Art. 11

1 .  11 conducente dell'autobus o dell'autocarro deve essere in possesso della patente nazionale o internazionale conforme alla categoria di autoveicolo da esso guidato, nonché dei documenti di immatricolazione nazionali di tale autoveicolo.

2 .  La patente nazionale o internazionale deve corrispondere al modello definito dalla Convenzione Internazionale sul traffico automobilistico.

3 .  L'autorizzazione e l'altra documentazione necessaria in conformità alle disposizioni del presente Accordo devono trovarsi a bordo dell'autoveicolo a cui si riferiscono, e devono essere esibiti su richiesta delle autorità di controllo competenti.

Art. 12

  Le questioni pratiche concernenti l'effettuazione dei trasporti di viaggiatori e di merci previsti dal presente Accordo, possono essere regolate direttamente tra le organizzazioni e le imprese delle Parti Contraenti.

Art. 13

  I pagamenti da fare nell'ambito del presente Accordo saranno effettuati in conformità agli accordi tra le Parti Contraenti sui pagamenti vigenti il giorno stesso del pagamento.

Art. 14

1 .  I trasportatori delle due Parti Contraenti sono obbligati al rispetto delle norme fiscali in vigore nel territorio della Parte Contraente ove si effettua il trasporto.

2 .  Nel corso delle riunioni convocate con la procedura prevista al successivo art. 20, gli organi competenti delle Parti potranno proporre, a condizioni di reciprocità, facilitazioni di carattere fiscale che siano consentite dalla legislazione dei due Stati.

Art. 15

1 .  Nell'effettuazione dei trasporti sulla base del presente Accordo vengono esentati, su base reciproca, dai diritti doganali, dalle tasse e dalle autorizzazioni i seguenti prodotti importati nel territorio dell'altra Parte Contraente:

a)  combustibili e carburanti che si trovano nei recipienti previsti per ogni tipo di autoveicolo e sono connessi tecnicamente e costruttivamente al sistema di alimentazione del motore;
b)  lubrificanti nella quantità necessaria per l'uso durante il viaggio,
c)  pezzi di ricambio e arnesi destinati alla riparazione di un autoveicolo che effettua il trasporto internazionale.

2 .  I pezzi di ricambio non utilizzati sono soggetti alla riesportazione, invece quelli sostituiti devono essere distrutti, oppure ceduti secondo le modalità stabilite nel territorio della rispettiva Parte Contraente.

Art. 16

  I trasporti di viaggiatori e di merci sulla base del presente Accordo vengono effettuati con l'assicurazione obbligatoria sulla responsabilità civile. Il trasportatore è obbligato ad assicurare anticipatamente ogni autoveicolo che effettua tali trasporti.

Art. 17

  Circa il controllo di frontiera, doganale e sanitario saranno applicate le disposizioni degli Accordi internazionali a cui aderiscono entrambe le Parti Contraenti, mentre per la risoluzione delle questioni non regolate da tali Accordi sarà applicata la legislazione interna della Repubblica Italiana e della Federazione Russa.

Art. 18

  I trasportatori delle Parti Contraenti sono tenuti a rispettare le norme relative alla circolazione stradale e le altre leggi del paese sul territorio del quale si trova l'autoveicolo.

Art. 19

  Nel caso di violazione delle disposizioni del presente Accordo le Autorità competenti del paese dove è immatricolato l'autoveicolo sono tenute su richiesta delle Autorità competenti dell'altro paese nel quale ha avuto luogo l'infrazione ad applicare una delle seguenti sanzioni:

a)  avvertimento al trasportatore che ha commesso l'infrazione;
b)  diffida con avvertimento che nel caso di recidiva si farà luogo ad una delle sanzioni previste dal punto c) del presente articolo;
c)  sospensione a titolo temporaneo o revoca dell'autorizzazione rilasciata sulla base del presente Accordo.

  Le autorità competenti dell'altra Parte Contraente devono essere informate sulle sanzioni applicate.

Art. 20

  Allo scopo di garantire l'applicazione del presente Accordo le autorità competenti delle Parti Contraenti stabiliranno i contatti diretti, convocheranno su proposta di una delle Parti Contraenti apposite riunioni per risolvere i problemi dovuti al sistema delle autorizzazioni per il trasporto di viaggiatori e merci, nonché per scambiarsi esperienze e informazioni sull'uso delle autorizzazioni rilasciate.

Art. 21

  Le questioni che non sono regolamentate dal presente Accordo, né dagli Accordi internazionali ai quali aderiscono entrambe le Parti Contraenti, saranno risolte secondo la legislazione interna di ciascuna delle Parti contraenti.

Art. 22

  Le Parti Contraenti risolveranno tutte le controversie che potrebbero insorgere a seguito dell'interpretazione e della applicazione del presente Accordo per via di negoziazioni e consultazioni.

Art. 23

  Il presente Accordo non pregiudica i diritti e gli obblighi delle Parti Contraenti che derivano dagli altri Accordi internazionali stipulati.

Art. 24

1 .  Il presente Accordo entrerà in vigore dopo 30 giorni dalla ricezione della seconda delle notifiche con cui le Parti Contraenti si saranno comunicate ufficialmente l'avvenuto espletamento delle rispettive procedure interne all'uopo previste.

2 .  Il presente Accordo sarà valido per un periodo di tempo indeterminato e potrà essere denunciato in qualsiasi momento. La denuncia avrà effetto tre mesi dopo la sua notifica all'altra Parte Contraente.
In fede di che, i sottoscritti Rappresentanti, debitamente autorizzati dai rispettivi Governi, hanno firmato il presente Accordo.

Fatto a Mosca il 16/3/1999 in due copie originali ciascuna in lingua italiana e russa, entrambi i testi facenti ugualmente fede.
PER IL GOVERNO PER IL GOVERNO DELLA REPUBBLICA ITALIANA DELLA FEDERAZIONE RUSSA (firma illeggibile) (firma illeggibile)

Annesso B

PROTOCOLLO Sull'applicazione dell'Accordo tra il Governo della Repubblica Italiana ed il Governo della Federazione Russa sui Trasporti Internazionali di viaggiatori e merci su strada.

Preambolo

Riguardo all'applicazione dell'Accordo tra il Governo della Repubblica Italiana e il Governo della Federazione Russa sui Trasporti Internazionali di viaggiatori e merci su strada firmato è stato, concordato quanto segue:

1 .  Agli effetti di detto Accordo come autorità competente si intende:
da parte italiana: Dipartimento dei Trasporti Terrestri; per quanto riguarda l'articolo 7 relativamente ai trasporti eccezionali per peso e dimensione il Ministero dei Lavori Pubblici;
da parte russa: Ministero dei Trasporti della Federazione Russa; per quanto riguarda l'articolo 7 relativamente ai trasporti eccezionali per peso e dimensione il Ministero dei Trasporti della Federazione Russa, il Servizio Federale Stradale della Federazione Russa e il Ministero dell'Interno della Federazione Russa;

2 .  Agli effetti di detto Accordo si considera:

2.1 .  sotto il termine di "autoveicolo":
nell'effettuazione dei trasporto di merci: autocarro, autocarro con rimorchio, autotreno o autoarticolato; nell'effettuazione del trasporto di viaggiatori - autobus, ossia un autoveicolo destinato al trasporto di persone equipaggiato con più di nove posti compreso quello del conducente, nonché un rimorchio per il trasporto di bagagli;

2.2 .  sotto il termine di "trasporti regolari" - trasporti effettuati con autoveicolo delle Parti Contraenti in orari e con itinerari previamente concordati con l'indicazione dei luoghi di partenza, delle fermate e della destinazione;

2.3 .  sotto il termine di "trasporti occasionali" tutti gli altri trasporti.

3 .  Ogni autorizzazione prevista dagli art. 3 e 5 dell'Accordo è valida senza eccezione per un trasporto bitaterale o di transito di andata e ritorno.
Le autorizzazioni previste dall'art. 5 dell'Accordo non dispensano i trasportatori e i titolari delle merci dall' obbligo di ottenere le necessarie autorizzazioni doganali, secondo 1a legislazione interna di ciascun Paese.

4 .  Agli effetti del punto 2 dell'art. 8 dell'Accordo, è possibile che un trattore italiano agganci un rimorchio o semirimorchio russo oppure che un trattore russo agganci un rimorchio o semirimorchio italiano a condizione che si tratti di traffico bilaterale italo/russo e che sul veicolo trattore vi sia un'autorizzazione del contingente relativo allo Staro di immatricolazione del velcolo trattore.

5 .  La disposizione del punto 1 a) dell'art. l5 dell'Accordo si applica solo ai combustibili e carburanti che si trovano nei recipienti installati sugli autocarri e autoarticolati dal produttore nonché ai combustibili e carburanti che si trovano nei recipienti installati sui rimorchi e semirimorchi e destinati per la funzione degli impianti di frigo dei refrigeratori previsti dal produttore.

6 .  Nell'art. 17 dell'Accordo sotto il termine di "controllo sanitario" s'intende il controllo sanitario veterinario fitosanitario.

Il presente Protocollo che fa parte integrante dell'Accordo è fatto a Mosca il 16/3/1999 in due copie originali entrambi in lingua italiana e russa, entrambi i testi facenti ugualmente fede.
PER IL GOVERNO PER IL GOVERNO DELLA REPUBBLICA ITALIANA DELLA FEDERAZIONE RUSSA

Argomenti nella stessa categoria