📁
Russia Portale sulla Russia, con informazioni sul consolato italiano a San Pietroburgo e ambasciata italiana a MoscaRussia
Fare impresa

Barriere non tariffarie

In Russia permangono varie barriere di natura non tariffaria, con numerosi ostacoli tecnici al commercio di prodotti industriali ed agricoli. Il sistema russo delle certificazioni e standardizzazioni, delle regole doganali, dei controlli fitosanitari, delle procedure di registrazione e rilascio di licenze e’ complesso, costoso, poco trasparente e non armonizzato con la normativa internazionale in materia. Anche la disciplina legislativa delle certificazioni e’ minuziosa e poco trasparente. L’autocertificazione viene di rado accettata, mentre prevale un uso estensivo della certificazione demandata a Parti terze e le autorizzazioni sono di durata limitata. Pertanto l’esportatore verso la Russia e’ costretto di regola ad affrontare una trafila di controlli e costose procedure per la registrazione e l’ottenimento ed il rinnovo di licenze e permessi, con conseguenti frequenti ritardi. Le Autorita’ statali (l’Ente statale Gostandard ed i singoli dicasteri tecnici) normalmente non accettano le certificazioni comunitarie (ad esempi l’ISO 9000), ma chiedono attestati di qualita’e/o conformità “ad hoc” ed impongono complesse procedure di registrazione.

Anche le aziende straniere che hanno avviato investimenti sul territorio russo incontrano spesso difficolta’ per ottenere dalle Autorità locali i permessi e le necessarie autorizzazioni amministrative (in campo sanitario, ambientale, edilizio, allacciamenti ai servizi di energia elettrica ed acqua).

Su un piano generale, va sottolineato che uno dei principali problemi è rappresentato dalla scarsa collaborazione della burocrazia nell’applicare le semplificazioni previste dalle leggi di riforma del sistema amministrativo.

Un’altra barriera non tariffaria è rappresentata dal cronico problema delle dogane. Nonostante l’entrata in vigore del nuovo Codice Doganale, che prevede una semplificazione ed una riduzione dei margini di discrezionalità delle procedure (ad esempio fissando tempi massimi nelle operazioni di sdoganamento), la situazione rimane insoddisfacente.

Argomenti nella stessa categoria